Saturday, December 14, 2019
Home / Recensioni commissario

La donna del Perù. Nelle guide c’è sempre, non con questo nome. Perché non tutti vedono le cose alla stessa maniera.

Natale. Il fornello della pipa mi bruciacchia i polpastrelli e la nuvola di fumo sotto la falda del cappello mi protegge in una tiepida

Verbale N.52 a carico del decurione Giuseppe di Arimatea, nemico giurato delle fosse comuni. Le castagne, il rosso feroce e la pizza croccante

Foresto Sparso. Sperso e affamato nella foresta eccomi al punto di partenza per aver mangiato, briciola dopo briciola, tutti i miei ricordi

Campofilone. Dove gira la ruota di un mulino c’è sicuramente la farina e dove coccodèano le galline c’è nascosto nella paglia l’ovetto fresco

Quando i ghiacciai si sciolgono le storie si moltiplicano: la mummia del pastore e il conte squattrinato.

Vannes. Guardo nelle pagine delle vecchie storie per capire quelle nuove. Dentro una bugia c’è la verità che a occhio nudo non si può

Murgia tarantina. Il centro antico di Manduria si reticola in una serie di stradine strette e contorte e per non girare in tondo tengo

1 2 3 4 5 6 7