Saturday, August 15, 2020
Home / Focus  / Tim Burke, leggendario VFX supervisor, dona meravigliosi consigli per chi inizia questa carriera !

Tim Burke, leggendario VFX supervisor, dona meravigliosi consigli per chi inizia questa carriera !

Se la tua carriera da sogno è nel magico mondo degli effetti visivi, dai un'occhiata al consiglio che uno dei più importanti supervisori VFX del mondo, Tim Burke, ha condiviso con tutti noi.

Un  “animale fantastico” vola via dalle pagine di un libro per apparire per la prima volta sul grande schermo. Un classico animato viene dato nuova vita grazie al 3D,  o viene ricostruito con una combinazione di live-action ed effetti digitali. In entrambi i casi, e in molti altri ancora, un supervisore VFX come Tim Burke si trova dietro le quinte, facendo sentire pellicola e 3D come un unico ambiente coeso. Una esperienza in cui gli spettatori non pensano due volte alle interazioni tra i personaggi, reali o meno, con il mondo e le creature attorno

L’impressionante curriculum di Burke comprende film come “Gladiator“, “Hannibal“, sette dei film di “Harry Potter” e i due film di “Fantastic Beasts“. Attualmente, è il supervisore della VFX nella live-action della Disney: “La Sirenetta“.

Se la tua carriera da sogno è nel magico mondo degli effetti visivi, dai un’occhiata al consiglio che Burke ha condiviso con tutti noi.

Come ha iniziato con gli effetti visivi?

Ho iniziato più di 33 anni fa lavorando come designer in uno studio video, lavorando prevalentemente in televisione. Ho messo le mani su alcune delle primissime tecnologie digitali realizzate da una società britannica chiamata Quantel e ho iniziato a imparare digital painting e compositing digitale mentre ero sul lavoro. Questo mi portò a lavorare in spot pubblicitari di fascia alta nei primi anni ’90, dato che all’epoca non esisteva un’industria cinematografica digitale VFX nel Regno Unito. Lavorare negli spot pubblicitari mi ha dato molta esposizione a molte tecniche diverse come l’uso del green screen, il controllo del movimento e l’animazione in computer grafica. Mi sono abituato a lavorare con registi che mi guardavano dietro le spalle 12 ore al giorno.

La conoscenza e l’esperienza di diverse tecniche cinematografiche e di effetti visivi mi hanno portato a passare al cinema quando, insieme a due colleghi, mi è stato chiesto di allestire la Mill Film per Ridley e Tony Scott. Questo mi ha dato l’opportunità di lavorare con due dei registi più creativi che lavoravano in quel periodo, supervisionando regolarmente film e serie televisive per entrambi. La società stessa è stata chiusa nel 2002 e ho scelto di diventare freelance, essendo stato incaricato per la realizzazione del terzo film di “Harry Potter” come supervisore della produzione VFX. Da lì ho semplicemente continuato a lavorare. Ad un certo punto ho supervisionato tre film di “Harry Potter” contemporaneamente. Era pazzesco il lavoro che abbiamo fatto, ma i film di “Harry Potter” sono stati la nascita dell’industria britannica della VFX e sono orgoglioso di averne fatto parte.

Tim Burke alla premiazione de "Il gladiatore" per l'Oscar ai migliori effetti speciali.

Qual è stato il suo primo lavoro di produzione?

Il mio primo lavoro è stato in realtà in televisione, dal vivo, creando motion graphic che veniva trasmessa in diretta. È stato un ottimo modo per imparare a rispettare le scadenze. A volte lavoravo ancora sull’immagine 30 secondi prima di doverla trasmettere. Il mio primo lavoro cinematografico è stato come supervisore digitale e compositore VFX alla Mill Film. Il mio primo lavoro sul fronte della produzione è stato come supervisore VFX per la Warner Bros.

Che tipo di formazione ha avuto? Di quale formazione ha bisogno qualcuno per diventare un supervisore VFX?

Ho studiato design alla scuola d’arte e tendevo a rinchiudermi nella stanza della macchina da presa per fare animazione in stop motion. Questo nei giorni precedenti alla computer grafica! Avevo una buona conoscenza del cinema e della fotografia, avendo costruito la mia camera oscura a 16 anni nel bagno di famiglia di casa. Ma la mia vera formazione è stata tutta imparata sul lavoro. Mi sono lanciato in ogni sfida che mi si presentava, che mi ha portato a passare mesi a lavorare in tutto il mondo su location di grandi film.

Oggi c’è molta competizione. L’industria è così massiccia e ci sono così tanti grandi artisti che lavorano in tutte le strutture. Direi che se vuoi diventare un supervisore VFX, devi lavorare in una struttura VFX e cercare di acquisire quanta più esperienza possibile in diverse discipline, in modo da avere un’ampia comprensione dell’intero processo. Supervisionare uno o due spettacoli all’interno dell’azienda e poi uscire sul set di un film. Sperimentatelo dal punto di vista della produzione, in modo da iniziare a capire il processo di realizzazione del film. Quello che ho imparato più di ogni altra cosa è come vengono fatti i film. Sono bestie complesse e bisogna capire il processo per avere successo nel proprio lavoro.

Come si trova lavoro?

Ho lavorato con alcuni registi in diverse occasioni, quindi o si tratta di lavoro ripetitivo o ricevo una chiamata da uno dei dirigenti dello studio VFX.

Qual è una cosa che vorrebbe che tutti sapessero del suo lavoro?

La cosa più importante che vorrei che tutti sapessero del mio lavoro è che si tratta di un enorme lavoro di squadra. Sono la persona fortunata in prima linea che lavora con il regista, ma è davvero l’intero team che deve essere riconosciuto per aver creato il lavoro. Non è un lavoro che si può fare da soli. Hai bisogno del supporto e del talento di centinaia di persone con una miriade di competenze diverse.

Qual è la parte più difficile del suo lavoro?

La parte più difficile è la fine, quando ci sono una manciata di scatti che non sono buoni come dovrebbero essere, ma non c’è più tempo. Questa è la parte che odio e che mi fa dannare di più!

Di quali competenze hai bisogno per diventare un supervisore VFX?

Devi essere calmo e creativo. Hai bisogno di un livello di abilità tecnica che ti permetta di comprendere appieno il processo VFX e la realizzazione di film, buone capacità di comunicazione, e la capacità di capire e interpretare le note oscure dei registi.

Tim Burke ci mostra un dietro le quinte dei suoi VFX per Animali Fantastici

Cosa cerchi al momento dell’assunzione?

Buone capacità di comunicazione. Fiducia ma non arroganza. La capacità di svolgere il proprio lavoro ma con la volontà di imparare. E il senso dell’umorismo: ne avete bisogno!

Hai qualche consiglio per il primo giorno di lavoro?

Non distrarre il direttore quando lavora. Meglio parlare quando gli si parla, ma essere sempre visibili e a portata di mano. E state calmi. La strada da percorrere è lunga e qualsiasi cosa pensiate possa essere un problema oggi non è nulla in confronto alle cose che incontrerete lungo la strada.

Quali consigli darebbe agli aspiranti supervisori VFX?

C’è molta competizione là fuori. Se vuoi davvero essere un supervisore, fai l’esperienza generale del processo di cui ho parlato, fai il grande passo e cerca di ottenere un lavoro dal lato della produzione. L’esperienza sul set è inestimabile. È molto facile sentirsi a proprio agio in una struttura ed entrare in una routine, ma a volte è bene sfidare questa comoda routine.

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview