Saturday, August 15, 2020
Home / Focus  / Open Source Mask : E’ online la Mascherina stampabile in 3D, ed è Made in Italy

Open Source Mask : E’ online la Mascherina stampabile in 3D, ed è Made in Italy

La stampa 3D può ora fare affidamento su una tecnica rivoluzionare che permette di stampare in pochi secondi! La sua applicazione biomedica è strabiliante!

A causa della tremenda diffusione del Coronavirus che negli ultimi giorni ha invaso tutti i continenti del globo (ad eccezione dell’Antartide), e purtroppo soprattutto dell’Italia, sempre più difficile risulta reperire una mascherina, se non pagandola a peso d’oro. Questo è ancor più vero dal momento che sono effettivamente utili a proteggersi dal virus solo alcune di queste mascherine. Molti stanno quindi adottando diverse soluzioni fatte in casa, alcune più che utili diventano persino comiche. La verità è che queste soluzioni date dal fai da te, non contrastano il propagarsi del virus efficacemente, come dovrebbero questi supporti di protezione e non impediscono la diffusione a soggetti a rischio di eventuali elementi patogeni.

Come in tutte le situazioni di caratura mondiale, c’è chi cerca di approfittarsi dei bisogni e del momento di crisi, e chi invece cerca di fare il più possibile per aiutare. 

Persino nel web: c’è chi ha inserito il malware AZORult nelle mappe online che mostrano il contagio nel mondo di coronavirus e chi invece ha creato il tool EpiRisk, che aiuta a fare una previsione dei possibili contagi e di come potrebbe evolversi la situazione virulenta, nel globo.

Per fortuna però come appena accennato, l’ingegno umano e la capacità di fare del bene, riescono sempre ad abbattere ogni cattiva azione.

Grazie ad un team tutto italiano, da oggi è possibile stampare la propria mascherina usa e getta in 3D, usando un modello messo a disposizione gratuitamente dal team, ed assemblandola a casa. Ed è proprio grazie all’intervento di Open Source Mask che è possibile realizzare a casa tali mascherine (ovviamente a patto di possedere una stampante 3D).

Il progetto Open Source Mask trova origine in una idea di Vitantonio Vacca. L’idea ha poi contagiato (perdonate il gioco di parole) altri membri del team, che hanno partecipato al progetto realizzativo: Ambrogio Occhipinti, Giuseppe Occhipinti, Savino Carbone e Davide Saponieri.

Step dimostrativi del montaggio della mascherina stampata in 3D

Grazie al desiderio di voler creare qualcosa che potesse aiutare il mondo intero, ora abbiamo a disposizione una risorsa in più per prevenire il diffondersi del virus.

Il file 3D scaricabile e stampabile contiene infatti all’interno una sorta di cartamodello di mascherina che servirà sia per le parti semirigide, sia come guida per effettuare i tagli sulle parti di cotone o più in generale stoffa, da utilizzare.

Da qui è possibile quindi assemblare il tutto grazie alle istruzioni che sono presenti sulla home del sito.

C’è chi ha ottenuto i filtri (l’unica parte non stampabile in 3D) grazie agli strati dei sacchetti dell’aspirapolvere folletto o ancora è possibile acquistare questo materiale in diversi siti che spediscono direttamente rotoli di stoffa (a prezzi notevolmente inferiori di quelli a cui si trovano molte delle mascherine stesse)

I file, le istruzioni e le indicazioni riguardo questo fantastico progetto italiano, Open Source Mask, sono rintracciabili all’indirizzo omonimo: www.opensourcemask.com

Non ci resta che dire: Bravi!!

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview