Wednesday, April 1, 2020
Home / Focus  / Generazione Ilas: Intervista ad Annarita Ferrante

Generazione Ilas: Intervista ad Annarita Ferrante

Annarita Ferrante vorrebbe partecipare a una missione spaziale ma al momento è con i piedi (ancora) per terra con la testa in tanti progetti interessanti. Scopriamoli insieme a Generazione Ilas.

Annarita Ferrante a 11 anni comincia la sua vita intellettuale trovando tra un cumulo di libri Essere o Avere di Fromm, il suo libro-guida. Si dedica agli studi umanistici finché incontra la Ilas e frequenta il corso di pubblicità e marketing. Nel 2006 entra come copywriter in un’agenzia di pubblicità dove ha modo di sperimentare vari ruoli abbracciando l’accounting e la direzione creativa. Da questa posizione trova uno spazio vuoto, ovvero l’anello mancante tra le aziende-clienti e l’agenzia di pubblicità. Nel 2009 sta per trasferirsi a Roma dove cercherà altre esperienze di agenzia, ma riceve la proposta inaspettata di aprire e gestire un reparto marketing e comunicazione all’interno di un’azienda. Settore di difficile, azienda complessa, tutto da fare: una sfida che vincerà portando a compimento il piano in 10 anni. Il nuovo percorso la porta a percorrere parallelamente la libera professione come Concept Designer. I suoi occhi sono quelli di Giovanna Grauso, Art Director e Designer con la quale si unisce in smaltostudio, un collettivo di creativi indipendenti. In questi anni segue quella passione che non vorrà mai far diventare lavoro: la musica da dancefloor. Partecipa a progetti internazionali come manager, cura la comunicazione per dj emergenti, scrive lyrics, e crea un sito del tutto personale dove racconta, in video, foto e parole, i backstage degli eventi e i top dj in una chiave originale e genuina. Nel 2019 si innamora degli obiettivi ambiziosi ed innovativi di Hair Studio’s ai quali si dedica a tempo pieno.

L'Intervista

(Urania Casciello) A cosa stai lavorando attualmente?

 

(Annarita Ferrante) Dopo anni di libertinismo professionale sono attualmente impegnata in una relazione stabile con un’azienda come marketing manager. Il gruppo Hair Studio’s sviluppa progetti e servizi avanzati nel settore dell’Hair Styling e della Moda. I più importanti tra questi le due insegne in franchising che contano circa 200 tra spa, saloni di parrucchiere e barbieri e l’Accademia Superiore per la formazione tecnico-artistica e manageriale. È il tipo di missione profonda che mi piace. Ho l’opportunità di confrontarmi a tutto tondo con il settore, al centro tra i grandi brand partner internazionali e le realtà locali. Lavoro dall’innovazione tecnologica e digitale al marketing esperenziale, dalle strategie di business alla parte più creativa delle collezioni moda. Ho tutto quello che mi serve per divertirmi a lavorare, non da ultimo il team o, per meglio dire, la famiglia con la quale condivido questa avventura.

 

Da dove viene la tua ispirazione? Segui un rituale per trovare idee creative?

 

Colleziono informazioni di ogni genere, osservo, ascolto, studio. Quando ho bisogno di tirar fuori qualche idea faccio tre giri su me stessa e aspetto la reazione degli elementi. Il processo creativo è simile ad una reazione chimica: una o più specie di idee modficano la loro composizione originaria per generare una nuova idea.

 

Che ricordi hai del tuo percorso di studi alla ilas?

 

La ilas per me è stata un’esperienza fantastica, una grande opportunità. È il posto in cui ho incontrato me stessa e ciò che avrei voluto. All’avanguardia per modello di formazione, metodologia didattica e strumenti, ma soprattutto ricca di professionisti straordinari con i quali hai la possibilità di studiare, lavorare, confrontarti. C’è un po’ di ciascuno di loro in me: di Ballardini, i punti di vista, di Risuleo, l’immaginazione e il paradosso, di Iannucci, le storie e i personaggi. Poterli assistere come Tutor in anni più recenti è stato un grande orgoglio. Compatibilmente con gli impegni, torno volentieri tra i banchi in occasione dei seminari.

Hai sempre saputo di voler fare questo lavoro?

 

L’ho saputo nel momento esatto in cui ho visto il manifesto ilas del corso di marketing e pubblicità.

 

Tra i tuoi lavori c’è qualcosa che ti rappresenta di più o di cui sei più fiera?

 

Essere riuscita a valorizzare un prodotto al 1000%. È un dato che mi da una risposta oggettiva, dunque non teme alcun giudizio.

 

Qual è la sfida più grande che hai dovuto affrontare?

 

A) Spiegare alle aziende che il brand è un’entità concettuale.

B) Non ho mai avuto sfide più grandi di quelle che ho proposto ai clienti di affrontare.

C) La sfida più grande è sempre con se stessi, vale per ogni tipo di cliente o richiesta quando l’obiettivo è superarsi, spingersi oltre.

C’è qualcosa che ti non ti piace o che cambieresti del tuo settore professionale?

 

L’automazione e non parlo di AI. Anche l’intelligenza artificiale si sviluppa cercando risposte sempre più umane. Mi riferisco a tutti quegli umani che profetizzano metodi scientifici per raggiungere dei risultati, chi crede di poter ridurre tutto ad un modello, ad uno schema. Non mi piace l’improvvisazione.

 

Web e Social, forza o debolezza per il tuo lavoro?

 

Tra i driver del marketing c’è la personalizzazione dei servizi, dell’informazione e della comunicazione, l’approccio non è più mass ma H2H (human to human) dunque il rapporto è sempre più intimo. I mezzi digitali sono indispensabili per stabilire la conversazione, il rapporto e, infine, la loyalty. Siamo già oltre il web e i social come si conoscono comunemente. Dico, sei sul divano con tuo marito e cerchi con ironia il dialogo per capire perché non si fa sesso da un po’. Tempo qualche ora ti arriva un sms da un brand di farmaci per i problemi di prostata che ti consiglia di prenderti cura di lui. Sembra ironico ma è un esempio reale.

Cosa ti tira giù dal letto la mattina? Cosa ti guida?

 

Mi spingo da sola tra le 5 e le 6 solitamente. Di ogni mattina mi attrae il nuovo, è il mio momento preferito della giornata. Piuttosto mi capita che qualche idea mi tiri giù dal letto nel cuore della notte.

 

Che consiglio daresti a chi si approccia adesso al tuo lavoro?

 

Fare, sperimentare e studiare. Provare, sbagliare e continuare. Applicare strategie creative per la propria vita. Se non si trovano le opportunità, crearle. Osare, osare sempre.

 

Una parola che ti rappresenta?

 

Relatività.

Una parola che vorresti eliminare dalla terra?

 

Noia.

 

Se tu fossi una canzone, quale saresti?

 

The Great Gig in the Sky dei Pink Floyd.

 

Come descriveresti il tuo lavoro ad una persona del 1800?

 

Inventore, filosofo e scrittore con interesse a creare un rapporto tra chi produce e chi compra.

 

Cosa ti aspetta per il futuro?

 

Vorrei partecipare ad una missione dell’ESA (n.d.r. Agenzia spaziale europea) ma se questo non dovesse succedere penso che punterò tutto sul crescere insieme alla mia attuale azienda.

uraniacasciello@ilas.com

Scrivo. Da quando ho iniziato a scrivere sapevo che un giorno sarebbe stato il mio lavoro. Nel 2012 mi sono diplomata in Art Direction e Copywriting alla ILAS e ho frequentato il Master in Social Media e Web Marketing e il Corso Annuale in Fotografia Pubblicitaria. Scrivo per ILAS Magazine e ho collaborato con la scuola alla realizzazione di eventi come il Behance Portfolio Review al Pan di Napoli, l'ILAS Sonorized Exhibition e alcune mostre alla The Gallery Studio. I miei amori sparsi sono: i gatti, Parigi, Ernest Hemingway, la pizza, Batman, le gomme del ponte di Brooklyn, Labyrinth, Ritorno ad OZ, le maratone (di serie-tv e film) e David Bowie.

Review overview