Tuesday, December 10, 2019
Home / Focus  / Le Mans 1995 – Un corto in 3D spiega le drammatiche vicende di questa storica gara

Le Mans 1995 – Un corto in 3D spiega le drammatiche vicende di questa storica gara

Nel 1955, la gara Parigina di Le Mans porta alla morte di numerose persone. Il regista francese Baillieux esplora con uno spettacolare corto in CGI il dietro le quinte dei terribili momenti.

Il corto di cui parliamo oggi è basato sui veri eventi della corsa sportiva di auto più importante della storia, Le Mans. In particolare vengono ripercorsi i tragici eventi dell’edizione 1955, dove, a Parigi, una delle auto è piombata malauguratamente sugli spalti, uccidendo ottanta spettatori e ferendone ulteriori diverse centinaia.

Ancora oggi, questo evento rappresenta il disastro più grande dell’intero mondo delle corse automobilistiche.

Come la sinossi del film di Quentin Baillieux, spiega, durante i quindici minuti di questo cortometraggio, non vengono sono mostrati i principali momenti del disastro, ma piuttosto viene esplorato il come ed il perché la gara è continuata, nonostante l’immenso numero di persone feritesi e decedute.

Baillieux spiega come l’idea ispiratoria del film gli sia venuta, dopo aver visitato una mostra sulle auto d’epoca degli anni 50, tenutasi al Louvre, dove il regista ebbe modo di osservare una delle auto che partecipò alla gara:

“Fui spiazzato dalla bellezza delle auto da corsa mostrate nella mostra, specialmente da una Jaguar che partecipò alla gara di Lemans nel 1955.  Ho iniziato ad informarmi in merito agli eventi di tragici di quell’anno e nel mentre sono capitato su due foto, apparse una di fianco a l’altro, ed estremamente in contrasto l’una con l’altra. Da un lato avevo l’immagine della tragedia: persone in stato di panico, un inferno di fuoco dietro di loro, corpi sparsi lungo lo stadio. Dall’altro, una immagine che ritraeva driver entusiasti, celebranti la loro vittoria con champagne appena stappati. Come poteva succedere che queste due immagini fossero correlate? Come è possibile vivere un momento così pieno di gioia, accanto ad un altro parallelamente così tragico?

Le Mans 1955 - Corto del regista francese Quentin Baillieux

Il mio desiderio di creare questo cortometraggio è nato da tali domande: il bisogno di creare una connessione, che permettesse la coesistenza della giustapposizione delle due fotografie. La tendenza dell’uomo a distruggere se stess, dimenticando la sua imanità mentre viene consumato dal suo orgoglio. La passione ed i sentimenti che l’essere umano prova, sono stati i soggetti nei quali volevo concentrarmi. E’ la base dei miei studi e dei miei pensieri, nonchè il desiderio realizzativo che mi ha permesso di creare questo film.

Gli eventi sono indubbiamente spiacevoli  e la volontà di trovare una parte colpevole do un significato dietro di essi può sembrare necessario. Ma la storia molte volte è più complessa di così. Sono convinto che un film in cui il regista critica e condanna gli uomini in momenti storici cruciali, non darà mai un importante contributo alla memoria.

Se da un lato alcuni piloti and il mondo delle corse è stato considerato colpevole di aver lasciato accadere questa tragedia, di sicuro  i loro errori non li rendono cattive persone. Ecco quindi, la mia volontà di vedere tali eventi dalla prospettiva di questi cosiddetti uomini colpevoli, come una sorta di avvocato del diavolo.

Volevo ripristinare la loro umanità e rendere chiare le contraddizione delle zone grigie.”

Baillieux, ha creato questo film in CGI usando come software Autodesk Maya, Nuke e Photoshop. Laureatosi alla scuola di arti creative più famosa di Francia, la Gobelins, Baillieux è stato un regista per uno studio di pubblicità “Chez Eddy”, sin dal 2011. Precedentemente ha diretto un videoclip musicale per il brano “Can You Do It” di Charales X.

La compagnia Chez Eddy ha prodotto anche il corto che stiamo vedendo, in una collaborazione con BrunicoStudio, Les Android Associés e Windows Production.

Il supporto economico alla preproduzione è arrivato dalla francese CNC (Centre national du cinéma et de l’image animeè). Mentre la produzione dai fondi per le nuove tecnologie e produzioni, della “Region des Pays de la Loire” (In Francia, anche il cinema viene sovvenzionato a modo, e non per raccomandazioni N.D.R.)

Per saperne di più di questo corto, potete visitare il sito web ufficiale, all’indirizzo: https://www.eddy.tv/animation/work/771/le-mans-1955

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview