Monday, June 17, 2019
Home / Focus  / Al 71° Congresso della FIAF a Napoli, la 19° tappa di Portfolio Italia con Federica Cerami

Al 71° Congresso della FIAF a Napoli, la 19° tappa di Portfolio Italia con Federica Cerami

Federica Cerami, docente di critica fotografica all’Ilas, fa parte della squadra dei lettori di portfolio di questa prima tappa napoletana che proseguirà in tutta Italia per eleggere il vincitore di Portfolio Italia 2019

fiaf

Si è inaugurato ieri, a Napoli, il settantunesimo congresso nazionale della Fiaf che vedrà, nel suo svolgersi, una serie di iniziative fotografiche molto interessanti.

Le letture portfolio occupano una parte importante di questi quattro giorni di congresso e saranno condotte da una squadra di 15 lettori di calibro nazionale.

Ci siamo occupati della costruzione del Portfolio illustrando, in quest’articolotutte le fasi da seguire.

La creazione del portfolio è una delle cose più importanti e difficili che un fotografo possa fare con la propria produzione. Ecco alcuni appunti utili per crearne uno e per sviluppare il proprio sguardo fotografico

Non è affatto facile costruire un racconto fotografico, poiché, da sempre, siamo abituati ad una narrazione che passa esclusivamente attraverso le parole e affidiamo alle immagini il compito di convalidare quanto le nostre parole cercano di esprimere.

Portfolio Italia, che ogni anno attraversa il nostro paese da nord a sud, è una ottima occasione per dedicare tutto l’anno ad esercitarsi e a fare sperimentazioni sul proprio agire fotografico, per poi arrivare preparati a questo importante appuntamento.

FIAF

Il circuito di Portfolio Italia

Il circuito di Portfolio Italia è costituito da 10 tappe, inserite all’interno di altrettanti Festival, che si attengono tutti al medesimo regolamento.

Vale la pena leggerlo con attenzione specialmente nella sezione che qui riportiamo perché può offrire una grande spinta motivazionale per prendere il coraggio per parteciparvi.

“I due Vincitori (1° e 2° Premio) riceveranno i due Premi sotto indicati; inoltre sarà loro offerta la possibilità di esporre i propri Portfolio nell’ambito del 72° Congresso Nazionale FIAF. Oltre a ciò è prevista la pubblicazione di uno specifico articolo sul primo dei due Lavori premiati sulla rivista “Fotoit”, e di ulteriori due articoli sulle Opere vincitrici sulla rivista “Riflessioni”. Infine i due Portfolio premiati avranno diritto a partecipare alla fase conclusiva di “PORTFOLIO ITALIA”, Selezione riservata ai Portfolio che avranno ottenuto i Riconoscimenti posti in palio durante il 2019, in ognuna delle seguenti dieci Manifestazioni caratterizzate da incontri a lettura di Portfolio: “19° Spazio Portfolio” di Napoli, “16° FotoArte in Portfolio” di Taranto, “10° Portfolio dello Strega” di Sassoferrato, “12° Portfolio Jonico” di Corigliano Calabro, “13° Portfolio al mare” di Sestri Levante, “18° Portfolio dell’Ariosto” di Castelnuovo Garfagnana, “28° Premio SI Fest Portfolio” di Savignano sul Rubicone, “20° FotoConfronti” di Bibbiena, “4° Portfolio sul Po” di Torino e “9° Premio Maria Luigia” di Colorno.

L’Autore del Portfolio più apprezzato dalla Commissione Selezionatrice di “PORTFOLIO ITALIA” riceverà, quale Riconoscimento finalizzato al prosieguo della sua attività fotografica, 1.500,00 Euro”. PREMI: 1° Premio: Medaglia oro della FIAF + libro fotografico + diritto a partecipare alla fase conclusiva di “PORTFOLIO ITALIA”;

2° Premio: Medaglia argento della FIAF + libro fotografico + diritto a partecipare alla fase conclusiva di “PORTFOLIO ITALIA”.

Come funziona

Sia che mostriate il vostro lavoro ad un lettore o che decidiate di presiedere ad una lettura come ascoltatori, l’occasione è comunque ricca di stimoli e sempre molto utile.

Il confronto e lo scambio con altri fotografi, al pari della relazione con i lettori presenti, disegnano un momento irripetibile nel quale ognuno può allargare i propri orizzonti visivi e creare nuove relazioni.

Il consiglio che vogliamo offrire a chi deciderà di portare il proprio portfolio in visione, è di affrontare questo momento con la massima apertura, predisponendosi a intrecciare la propria visione con quella del lettore e verificare le infinite possibilità di trasformazioni che ne possono venire fuori. Occorre ritagliarsi un momento nel proprio percorso fotografico, durante il quale uscire dalla propria angusta zona di comfort e lanciarsi in nuove avventure nelle quali, si apriranno nuovi mondi visivi e si crescerà moltissimo da un punto di vista progettuale e linguistico.

Un altro aspetto fondamentale sul quale porre l’attenzione è relativo alla scelta del lettore che ogni fotografo dovrà fare.

In genere in un festival ci sono almeno quattro diversi lettori, ognuno dei quali esprime il suo personale mondo fotografico.

Ogni fotografo può scegliere a quale lettore affidare il suo racconto fotografico e, riteniamo tale scelta vada fatta, lì dove è possibile, cercando punti in contatto tra le due visioni fotografiche.

Federica Cerami, docente di critica fotografica all’Ilas, fa parte della squadra dei lettori di portfolio di questa prima tappa di Portfolio Italia assieme ai nomi di: Fulvio Merlak, Saverio Langianni, Susanna Bertoni, Isabella Tholozan, Orietta Bay, Luca Sorbo, Massimo Pascutti, Vittorio Scheni, Lino Adi, Claudio Pastrone, Enrico Genovesi, Massimo Agus, Giovanni Iovacchini e Marcello Ricci.

Già lo scorso anno, alla The Gallery, fu affidato proprio a Federica Cerami il compito di leggere i portfolio dei fotografi, attraverso un percorso di appuntamenti quindicinali che riprenderemo a breve: grande, infatti, è stato l’interesse suscitato e la richiesta di altri momenti di confronto e scambio fotografico.

falasconi@ilas.com

Il primo ricordo di un regalo di compleanno è la scatola di colori a tempera ricevuta da mia zia. Chiaramente destinato ad una carriera che contemplasse il disegno e la grafica, dopo gli studi artistici e una specializzazione in Art Direction e Grafica Pubblicitaria sono entrato in ILAS in cui ho ricoperto diversi incarichi fino a diventare Art Director Senior. Appassionato di arte, cucina, fotografia e curioso viaggiatore ho già visitato letteralmente mezzo mondo e, sull’altra metà, ho le idee piuttosto chiare sul programma.

Review overview