Tuesday, April 23, 2019
Home / Fotografia  / Happiness on the Move. A Cortona la fotografia racconta la felicità

Happiness on the Move. A Cortona la fotografia racconta la felicità

Raccontiamo la felicità. “Cortona on the Move” apre la sua terza ed ultima open call, sul tema della felicità. Dall’11 luglio al 29 settembre si terrà la nona edizione del Cortona On The Move. L’intenzione del festival è

Happiness on the move

Raccontiamo la felicità.

“Cortona on the Move” apre la sua terza ed ultima open call, sul tema della felicità.

Dall’11 luglio al 29 settembre si terrà la nona edizione del Cortona On The Move.

L’intenzione del festival è di essere uno spazio di riflessione e di racconto visivo del mondo in cui viviamo.

Il focus di quest’anno si muove attorno al rapporto tra gli umani e il paesaggio.

La natura e l’ambiente sono parole chiavi ai giorni nostri.

 

CALL FOR ENTRIES al Cortona on the Move
Il Festival, sempre attento alla ricerca di nuovi talenti fotografici, con lo strumento delle call offre a tutti i fotografi la possibilità di attuare i loro progetti, realizzare una mostra ed eventualmente reperire di fondi per un lavoro fotografico.

Dall’inizio dell’anno si sono susseguite, fino a oggi, ben tre opportunità:

BACI from Cortona (chiusa il 31 gennaio), New Vision (chiusa il 3 marzo) e infine

Happiness on the Move  che ha aperto l’11 Marzo e si chiuderà il 14 Aprile

 

L’annuncio del vincitore verrà dato il 27 maggio

Alla sua 8° edizione, il concorso Happiness ON THE MOVE, ha come tema la felicità, leitmotiv del premio sin dal suo inizio.

La sua interpretazione è lasciata libera alla visione, creatività e sensibilità degli autori, chiamati a riflettere sul tema, discostandosi dal suo significato puramente letterale per svilupparlo nelle sue molteplici sfaccettature.

La felicità è una scelta, può essere un più ampio e articolato racconto, a volte sottile e non sempre evidente. È relativa a ciascuno di noi e le nostre esperienze.  La felicità è sospensione, è sorpresa, è una storia che ti tocca dentro, a volte inspiegabilmente. La felicità è azione, è calma, è uno sguardo o una vita intera. Nel Festival non si cercano facili sorrisi o immagini stereotipate, ma storie di felicità reale.

Il proposito del premio internazionale ON THE MOVE è quello di sorprendere la giuria con un racconto di felicità, inaspettato e sorprendente. I partecipanti sono invitati a proporre lavori che sviluppino in maniera originale il tema generale del concorso.

Il vincitore di Happiness ON THE MOVE riceverà un premio di 3.000€ e la possibilità di esporre nella successiva edizione di Cortona On The Move nel 2020. Inoltre il progetto vincitore sarà premiato e proiettato durante la serata dedicata alle proiezioni prevista durante i giorni d’inaugurazione di COTM 2019.

IN SINTESI

Inizio: 11 marzo 2019
Fine: 14 aprile 23:59 CET (13 aprile 14.59 PST)
Annuncio finalisti: 16 maggio
Annuncio vincitore: 27 maggio
Numero immagini: min 8 – max 15

COME PARTECIPARE

Ogni progetto presentato deve includere:

  • Minimo 8 foto ed massimo 15 foto. Ogni immagine deve avere i seguenti requisiti: file .JPEG, dimensione lato lungo 800 pixel, risoluzione 72 dpi, colori o b/n, non superare 2 MB.
  • A ogni immagine presentata deve corrispondere un file ad alta risoluzione di almeno 10 MB che vi verrà richiesto qualora il vostro lavoro venga selezionato.
  • Ogni file deve essere nominato come segue: nomi dei files dovranno rispettare la stringa COGNOME, INIZIALE DEL NOME, NUMERO DELL’IMMAGINE NELLA SEQUENZA.(ad esempio: James Frey nominerà i suoi files FREY_J_001.jpeg, FREY_J_002.jpeg, ecc)
  • Titolo
  • Testo di presentazione in inglese (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi)
  • Biografia in inglese (breve biografia scritta)

I progetti possono essere inviati fino al 14 aprile 2019 23:59

 

Tutte le informazioni sul Festival sono reperibili in questo link

https://www.cortonaonthemove.com/

 

POST TAGS:

info@federicacerami.it

Mi chiamo Federica Cerami, vivo a Napoli e mi occupo di fotografia e di arteterapia. Mi sono laureata in Architettura a Venezia con una tesi su “Il ruolo della fotografia nella lettura del territorio urbano”. Ho conseguito un diploma in Arteterapia scegliendo di specializzare i miei studi nella Fotografia Terapeutica. Insegno critica fotografica ad utenze diversificate, curo mostre di fotografia, organizzo eventi fotografici e conduco laboratori di arteterapia. Guardo alla fotografia cercando sempre di conoscere il“mondo”dell’autore; mi interessa l’aspetto comunicativo della fotografia, perché è l’elemento fondante del processo fotografico che va ben oltre le questioni tecniche. Mi piace pensare che la fotografia lasci una impronta, un segno quasi indelebile che parla del suo autore ma al tempo stesso parla anche del suo spettatore. Le fotografie raccontano storie di vita e costruiscono ponti tra le persone.

Review overview