Friday, December 13, 2019
Home / Focus  / Scenografia del piatto. Tecniche di presentazione e di decorazione.

Scenografia del piatto. Tecniche di presentazione e di decorazione.

Nella fotografia del food, così come in tutti gli altri ambiti della fotografia, è necessario raccontare in maniera accurata il contenuto del piatto, perché l'immagine non sia una semplice testimonianza della sua buona riuscita

scenografia del piatto

La fotografia del food ha il compito di rappresentare non soltanto l’immagine del piatto così come appare nella sua preparazione, ma in un certo senso deve anche dargli vita, renderlo appetibile. Non basta sistemare semplicemente il cibo nel piatto, è necessario costruire un racconto visivo, dare spazio agli ingredienti, esaltare le consistenze attraverso il sapiente uso delle luci e di accorgimenti specifici. In questo senso, questo libro che è un vero e proprio manuale operativo può essere un validissimo aiuto per chi intende specializzarsi in questo ambito perché l’autore, Alexis Vergnory, offre una serie di tecniche di presentazione applicabili a piatti dolci e salati e mette le sue “teorie” subito “in pratica” con circa 40 ricette selezionate proprio per illustrare allestimenti particolari. Le foto dei piatti finiti sono accompagnate da disegni che illustrano la posizione di ogni singolo elemento.

Scheda tecnica

  • Copertina rigida: 88 pagine
  • Editore: Bibliotheca Culinaria (26 gennaio 2018)
  • Collana: Bibliotheca Culinaria
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 889793269X
  • ISBN-13: 978-8897932697

Acquista su amazon.it

Acquista su Hoepli

Acquista su IBS

ibs

Edizione in inglese e francese

falasconi@ilas.com

Il primo ricordo di un regalo di compleanno è la scatola di colori a tempera ricevuta da mia zia. Chiaramente destinato ad una carriera che contemplasse il disegno e la grafica, dopo gli studi artistici e una specializzazione in Art Direction e Grafica Pubblicitaria sono entrato in ILAS in cui ho ricoperto diversi incarichi fino a diventare Art Director Senior. Appassionato di arte, cucina, fotografia e curioso viaggiatore ho già visitato letteralmente mezzo mondo e, sull’altra metà, ho le idee piuttosto chiare sul programma.

Review overview