Saturday, February 16, 2019
Home / Fotografia  / L’incredibile regalo di Sebastiao Salgado ai tre ragazzi del Binario 49

L’incredibile regalo di Sebastiao Salgado ai tre ragazzi del Binario 49

«Sono Salgado, so che mi state cercando. Cosa posso fare per voi?». Inizia con queste parole l'avventura nella quale, uno dei più grandi fotografi del mondo ha deciso di regalare, a tre giovani un sogno impossibile

Salgado

«Sono Salgado, so che mi state cercando. Cosa posso fare per voi?». 

Inizia con queste parole l’avventura nella quale, uno dei più grandi fotografi del mondo ha deciso di regalare, a tre giovani un sogno impossibile: esporre nel loro nascente caffè letterario di Reggio Emilia, 100 foto tratte da una sua retrospettiva che racchiude 30 anni di reportage realizzati nell’Africa sub-sahariana che immortalano gli effetti devastanti di guerre, carestie, malattie e deforestazioni.

Il progetto di Claudio MelioliKhadija Lamami e Alessandro Patroncini punta a rigenerare uno ambiente urbano degradato e creare reti sociali attraverso l’apertura di un nuovo spazio per il quale sono stati utilizzati per gli arredi, delle vecchie strumentazioni delle ferrovie donate dalla Regione Emilia-Romagna. L’intento di questi tre giovani sognatori è di risanare un quartiere dalla pessima reputazione e fare in modo che l’integrazione possa arrivare anche in periferia, creando un incubatore di economia solidale in un quartiere – quello della stazione di Reggio – da sempre zona franca; un guazzabuglio di emarginazione e disillusione in cui gravitano balordi, pusher e giovani extracomunitari senza identità e futuro.

Grazie alla incredibile generosità di Salgado, da sempre molto attento alle tematiche sociali, la mostra potrà essere aperta al pubblico dal 9 febbraio al 24 marzo e sarà divisa tra lo spazio di via Turri – dove saranno visibili gli scatti realizzati tra il 1974 e il 2005 nel sud del continente tra Mozambico, Malawi, Angola, Zimbabwe e Ruanda – e quello di via Gerra, poco distante, che accoglierà tra gli altri i reportage realizzati dal 1973 al 2006 nelle Regioni dei Grandi laghi tra Repubblica Democratica del Congo, Burundi, Tanzania, Zaire, Senegal ed Etiopia. L’ingresso sarà gratuito perché, affermano i ragazzi: «Salgado ha donato le sue foto a noi e noi le doniamo al pubblico. Presto attiveremo un crowdfounding su sito https://b49.it/  perché vogliamo che questa associazione cammini con le sue gambe anche dopo la fine della mostra».

info@federicacerami.it

Mi chiamo Federica Cerami, vivo a Napoli e mi occupo di fotografia e di arteterapia. Mi sono laureata in Architettura a Venezia con una tesi su “Il ruolo della fotografia nella lettura del territorio urbano”. Ho conseguito un diploma in Arteterapia scegliendo di specializzare i miei studi nella Fotografia Terapeutica. Insegno critica fotografica ad utenze diversificate, curo mostre di fotografia, organizzo eventi fotografici e conduco laboratori di arteterapia. Guardo alla fotografia cercando sempre di conoscere il“mondo”dell’autore; mi interessa l’aspetto comunicativo della fotografia, perché è l’elemento fondante del processo fotografico che va ben oltre le questioni tecniche. Mi piace pensare che la fotografia lasci una impronta, un segno quasi indelebile che parla del suo autore ma al tempo stesso parla anche del suo spettatore. Le fotografie raccontano storie di vita e costruiscono ponti tra le persone.

Review overview