Wednesday, April 24, 2019
Home / Fotografia  / Francesco Rastrelli in mostra con La fortuna di esser nato a Napoli

Francesco Rastrelli in mostra con La fortuna di esser nato a Napoli

Un calendario in omaggio ai visitatori della mostra presso la più antica stamperia di Napoli negli affascinanti locali che hanno resistito nel tempo. Perché nascere a Napoli è una fortuna!

Chi è Francesco Rastrelli

Le prime foto che vidi oltre vent’anni fa di Francersco Rastrelli, furono delle diacolor sulla mattanza di Favignana che mi fecero subito capire lo spessore tecnico e umano del suo modo di approcciarsi a ciò che fotografava. Uno stile fresco, dinamico, colpo d’occhio veloce, un certo senso della previsione dell’azione…

Nato a Mergellina, Francesco Rastrelli si afferma come art director nell’advertising internazionale… asseconda la sua passione per il mare, dedicandosi a fotografia ed archeologia subacquea…

Da più di dieci anni è approdato al photo yachting, in particolare di vele d’epoca, di cui segue come fotografo ufficiale i Raduni del Mediterraneo nonché i restauri delle più belle barche d’antan; alla passione per il mare si affianca quella per le Auto Classiche, di cui segue i rally in tutta Europa.

C’è un certo quid in chi è nato a contatto con il mare. Nascere a Mergellina credo sia stato caratterizzante per Francesco Rastrelli perché è uno dei pochi fotografi che hanno “il mare dentro”, in sintonia con tutte le sue danze, i suoi tempi e ritmi, i suoi umori.

Francesco Rastrelli l’ho sempre collocato nel mio immaginario tra quei pochi fotografi per me “riconoscibili anche senza credit” specializzati in fotografia nautica, subacquea e di tutto il mondo intorno al mare.

Quando ho saputo che avrebbe allestito questa mostra su Napoli, mi sono chiesto se il tema non fosse già stato esaurito ampiamente da ogni fotografo e se non temeva il rischio di cadere nella banalità, nella ridondanza di immagini stereotipate di Napoli…

La fortuna di esser nato a Napoli

Si è fortunati nel nascere in città eclettiche, creative, liquide, stimolanti come Napoli, ma si è ancor più fortunati nel nascere vicino al mare. Perché sono del parere che se nasci in un contesto, hai l’imprinting di quel mondo.

Perché entri in contatto visivo con le grafiche auree ed essenziali della natura marina che assorbi e, anche se inconsciamente, restano quelle che ti fanno osservare in un certo modo tutto il resto.

Ma se poi hai lavorato anche per diversi anni nell’advertising, il senso estetico della composizione che “deve comunicare” ce l’hai comunque per affrontare ogni genere di soggetto. E, se il soggetto può essere scontato, già ritrito in tutte le salse, resta il modo di come lo comunichi che conta.

Francesco Rastrelli calendario 2019
Francesco Rastrelli con una prova di stampa del suo calendario 2019 "La fortuna di esser nato a Napoli"

Il calendario

In realtà il pretesto della mostra è stato quello di realizzare un calendario da regalare.

Un piccolo grande progetto di Francesco Rastrelli, tra i tanti lavori già realizzati in tandem con le Officine Grafiche Francesco Giannini & Figli, la più antica industria tipografica napoletana dal 1856 e che ospita la mostra.

Il calendario è un oggetto di cui se n’è perso un po’ il suo senso classico e prezioso di una volta.

Regalare un calendario è un modo per ringraziare l’affezionata clientela con la quale mantenere un legame nell’arco dell’anno successivo. Perché per tutto l’anno non puoi dimenticarti del barbiere o dell’impresa che ti ha ristrutturato casa. Quel calendario ti resta davanti agli occhi, per 365 giorni.

 

Per chi ha vissuto gli anni ’70 ricorda sicuramente la quantità calendari in omaggio che entravano in casa. A volte quasi non si sapeva dove appenderli.

Oggi è difficile trovare qualcuno che ti regali un bel calendario.

Sembra che produrre il calendario aziendale sia un investimento che non dia più un buon feedback. Forse è meglio organizzare festicciole per presentare una nuova sede aziendale con annesso buffet e, in tale occasione, recuperare indirizzi mail per lo “spam consensuale”. O altre fantasmagoriche alternative.

Strategie di marketing che cambiano…

Francesco Rastrelli, classe ’64, è figlio del Baby Boom e quindi per questo è legato probabilmente al concetto del calendario da dare in omaggio. E infatti non è nemmeno il primo che realizza…

Francesco Rastrelli calendario 2019
"La fortuna di esser nato a Napoli", alcune delle foto esposte presso Officine Grafiche Francesco Giannini & Figli

Le immagini di “La fortuna di essere nato a Napoli”

Aumenta il turismo in città, aumenta l’offerta ricettiva, aumentano le visite guidate… ma tra i souvenir, tanti magneti e niente calendari. O almeno non è facile trovarne di un certo gusto.

Sembra complicato rappresentare Napoli attraverso fotografie che non ricadano nello stereotipato, nell’oleografica, nel banale, nel déjà vù, eppure, credo che il segreto delle foto scattate da Francesco Rastrelli, sia stato proprio il luogo comune di Napoli.

Ciò che il turista imprime nella mente durante il suo soggiorno a Napoli, è proprio il Maschio Angioino, Santa Chiara, Piazza Plebiscito, Castel dell’Ovo…

Nessuna inquadratura virtuosa, nessun dettaglio che decontestualizzi in maniera astratta la città, nessuna “ora blu”, nessuna spettacolarizzazione della città con grandangolate a fish-eye o dronate (tra l’altro Francesco ha anche la patente per “volare” con drone). Il segreto consiste in realtà nel “semplice semplice”: semplice il soggetto e semplice la sua inquadratura.

Una semplicità affinata poi dal viraggio seppia, da una cornice che ricorda i bordi di certe stampe del ‘900 di quando erano emulsionate a mano le carte, dall’equilibrio delle ombre e luci… senza particolari spennellate di correzione in Camera Raw che ingannerebbero la percezione media che potrebbe avere un turista.

Perché sono immagini realizzate fondamentalmente da un comunicatore.

Francesco Rastrelli non può non conoscere quella vecchia regola della grafica che “è meglio togliere che aggiungere” ma sa anche che la percezione latente di un osservatore riesce a cogliere in maniera minimalista la stampa quadricromica in Offset, pur se l’effetto finale è monocromo.

Perché la semplicità è eleganza ed è più diretta.

Caratteristiche tecniche delle immagini esposte

Francesco Rastrelli ha esposto ventidue immagini nei locali degli uffici delle Officine Grafiche Giannini in via Cisterna dell’Olio.

Stampate a laser su carta ad effetto baritata, firmate e con timbro a secco e successivamente calandrate su cartone grigio/grigio.

Alcune appese al muro, altre su cavalletti.

Ogni immagine è accompagnata da citazioni di personaggi del mondo della cultura internazionale: da Goethe a Erri De Luca, da Eduardo De Filippo a Giorgio Bocca; e poi Stendhal, Elsa Morante, John Turturro, Christian De Sica, Luciano De Crescenzo… testi che sono grandi testimonianze di affetto verso la città e, in particolar modo, di chi non ha avuto la fortuna di nascere a Napoli.

 

Francesco Rastrelli, La Fortuna di esser nato a Napoli

Fino all’8 marzo 2019

Visitabile: giov. e ven. dalle 16.00 alle 18.00

Officine Grafiche Francesco Giannini & Figli

Via Cisterna dell’Olio, 6/B

 

Info:

Blue Passion +39 338 9477829

marco@photopolisnapoli.org

Diplomato in grafica pubblicitaria e fotografia all'I.S.A. Umberto Boccioni di Napoli. Sono il primo ad aver conseguito la laurea triennale del corso di Graphic Design presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli (Ottobre 2011). Fotografo professionista ho collaborato, tra l’altro, come free-lance negli anni '90 coi principali quotidiani nazionali fornendo immagini di spettacolo e attualmente con l'editoria specializzata in viaggio e turismo.
Organizzo eventi di arte partecipata relativi alla mia ricerca artistica Impossible Naples Project.

Review overview