Saturday, February 16, 2019
Home / Focus  / Wrap 3.3 – L’innovazione della scansione digitale arriva dalla Russia

Wrap 3.3 – L’innovazione della scansione digitale arriva dalla Russia

L'innovazione nel mondo della computer grafica arriva da ogni parte del mondo, anche dalla russia. La compagnia R3dS, con il suo "Wrap" cambia radicalmente alcuni processi del 3D.

Come mi capita spesso di dire durante le mie lezioni di computer grafica, gli anni della CGI non corrispondono effettivamente ad anni “umani. Per capire cosa voglio intendere, basta fare una parallelismo con le aspettative di vita del migliore amico dell’uomo, il cane: 1 anno di un uomo corrisponde a circa 7 anni canini.

Se questo discorso è vero nel mondo animale, per motivi prettamente biologici, è altresì vero anche nella computer grafica, ma stavolta piuttosto, per motivi legati alla innovazione.

1 anno di un uomo, corrisponde almeno a 5 della CGI.

Ciò che viene fatto in un anno, soltanto pochi anni dopo può diventare preistoria, a causa delle continue e costanti innovazioni che si affacciano prepotenti (ed in alcuni casi anche in maniera salvifica) nel mondo del 3D.

Così può capitare che tediose pratiche della computer grafica (come quelle legate all’unwrapping) spariscano difronte alla semplicità di un bottone che nasconde all’interno un algoritmo specifico per fare quello che prima svolgeva un grafica 3D, ma più velocemente e meglio!

E se questa cosa, a chi vede il progresso con un certa paura mascherata da scetticismo, può sembrare deleteria per l’intero settore (del tipo: “e se i grafici 3D non servissero più”?) dall’altra invece permette agli stessi artisti del 3D di concentrarsi meno su aspetti tecnici, comunque necessari da sapere se qualcosa va storto, e più sul lato divertente del 3D, la creazione nuda e pura.

Oggi, attualizzando tale discorso alle recenti innovazioni, parliamo infatti di una tecnologia interessante, legata al mondo della scansione 3D (ossia catturare qualcosa dalla vita reale e renderlo 3D, in maniera automatica attraverso foto o scanner specifici).

L’evoluzione stavolta arriva da oriente, dalla fredda russa e più precisamente dal team R3dS (acronimo di “Russian 3d Scanner”) che ha creato un software semplice e magico, “Wrap”.

Video di presentazione di Wrap, giunto alla sua versione 3.3 della russa R3dS

Quando si scansiona un viso, un oggetto o un intero corpo umano, lo scanner è sì capace di catturare tutte le sfumature del modello, ma senza sapere qual’è il corretto modo di impostare i poligoni, gli elementi costitutivi di ogni oggetto 3D. Ecco che “Wrap” svolge il suo compito.

Il nome racchiude in maniera perfetta ciò che attua nel processo i scansione 3D: “avvolgeil modello 3D ottenuto dalla scansione, con un altro modello, strutturalmente simile, e con tutti i poligoni al posto giusto. In questo modo si otterrà una scansione perfettamente pronta per tutti i successivi passaggi di rigging, animazione e rendering, saltando completamente una fase del 3D tecnica chiamata “retopology”, fase in cui, un modellatore 3D, ricostruisce l’intera struttura di poligoni di un modello scansionato, poligono per poligono, secondo le regole della “corretta topologia”.

Tale innovazione, merita menzione, in quanto semplifica di gran lunga i processi di preparazione delle mesh, avendo quasi la libertà, una volta presa confidenza il il workflow di utilizzo del software, di creare personaggi fotorealistici in 3D in un quarto del tempo, tenendo possibili lavori di una qualità altissima anche a team di modeste dimensioni.

Alcune delle recenti innovazioni in mostra, come l'"OpticalFlowWrapping" in Wrap3.3

Ovviamente nella spiegazione semplicistica di come funziona Wrap, appena elencata, mancano tanti dettagli e peculiarità realizzativi, che ne sanciscono di fatto il successo, come la possibilità di essere integrato direttamente nel software di scultura digitale leader del settore Zbrush, la possibilità di adattare topologie in differenti pose a scansioni complesse, la capacità di ottenere senza fatica uv pronte per le texture e texuture fotorealistiche senza dover neanche toccare l’UV editor.

Insomma, potenza pura, controllata perfettamente in un software.

Per poter scaricare una versione studenti, totalmente gratuita e completa, potete andare direttamente al sito della compagnia all’indirizzo: https://www.russian3dscanner.com/download_and_buy/

Per imparare ad usarlo vi è poi una serie di videotutorial creati ad hoc, sempre da R3dS, all’indirizzo: https://www.russian3dscanner.com/wrap3-tutorials/

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview