Wednesday, February 19, 2020
Home / Grafica 3D  / The Mill e Tre – Un nuovo spot introduce tanta follia ed una Puggerfly

The Mill e Tre – Un nuovo spot introduce tanta follia ed una Puggerfly

A volte le pubblicità sanno essere informative, altre volte provocatorie, altre ancora disturbanti.. Ma oggi quella che vedremo, grazie al 3D, è solamente stramba e con un protagonista decisamente buffo!

La pubblicità più sa essere efficace, quanto più essa fa parlare di se. Secondo una vecchia massima di Oscar Wilde, ciò che conta quindi è solo che se ne parli.

Da questo concetto nascono pubblicità provocatorie, a volte disturbanti, a volte fastidiose, raramente (ma capitano) meravigliose e sempre più spesso invece… totalmente strambe!
E’ il caso oggi dello spot realizzato per Tre Mobile UK, prodotto da nient’altro che la famigerata The Mill, per la promozione (assurda) di una tariffa mobile speciale per i giovani navigatori dei nuovi social.
Rivolta a tutti gli utilizzatori della piattaforma Social SnapChat, adesso i suoi utenti, con 3 Mobile, potranno “Snappare” quanto desiderano, senza consumare nel mentre alcun traffico dati, grazie all’offerta “Go Binge”.
Fino a qui, niente di assurdo, se non fosse che il modo in cui il team di The Mill ed il regista Jorge Montiel, è decisamente ortodosso.

Spot the The Mill per la Tre Uk

Questo spot sopra le righe inizia con una pittoresca scena floreale, piena di farfalle colorate.
Gli spettatori vengono qui catturati dalla presenza di una “Puggerfly”, una nuova specie ibrida tra un Carlino ed una Farfalla creata dalla computer grafica, e dai suoi movimenti sconclusionati.

Nonostante il suo aspetto totalmente realistico, il piccolo cagnolino è frutto al 100% della maestria artistica del team grafico di The Mill, la compagnia che ha realizzato gli effetti speciali specializzata anche in effetti visuali per i Blockbuster hollywoodiani.
The Mill ha lavorato su tutto lo sviluppo dello spot, donando all’insieme una continuità fluente e realistica che non ci fa sentire alcuna differenza tra 3D e reale… beh, salvo le piccole ali della Puggerfly!
La foresta stessa in cui l’assurdo protagonista si trova a volteggiare è interamente ricostruita in computer grafica. Nonostante la totale leggerezza visiva dei secondi dello spot, la creazione di questi elementi prevede invece una solida struttura organizzativa, che possiamo ben percepire, grazie al making of reso disponibile da The Mill.

Dallo sviluppo attento del percorso di movimento della camera finale (al fine di stabilire ben bene la costruzione dello scenario), allo sviluppo degli shaders, seguendo le impostazione e gli strumenti di lighting utilizzati anche per la filmografia digitale. Dall’uso di strumenti interni proprietari di TheMill, implementati in simbiosi con la piattaforma Autodesk Maya, allo studio profondo dell’animazione buffa del cagnolino mutante.

Making of di The Mill per lo spot della Tre UK

La stravagante leggerezza di cui l’intero spot si veste è stata di fatto una caratteristica ben precisa di questa produzione. Il direttore Jorge Montiel aggiunge” Questa storia celebra l’essere divertenti e sciocchi. Volevo portare nello spot la sensazione del “godersi il momento”, catturando tutta la buffa attitudine della “PuggerFly”, con movimenti di camera “simil-maunali” e scattosi.

Mi piaceva anche l’idea di creare un edit caotico, ispirato al modo in cui le persone usano i social media ed in particolare Snapchat. Il contrasto tra la floreale, meravigliosa, naturale foresta, contrapposta alle virtuali Emojis di Snapchat, creano un linguaccia visuale eclettico che ben rappresenta l’idea attuale di social media”.
The Mill ha inoltre fornito a Snapchat un intero asset in CGI, che sarà distribuito sulla stessa piattaforma social, in modo internazionale, così da permettere agli utenti di provare esperienze simili a quelle dei vecchi tamagotchi, adottando, sfamando, interagendo e facendo crescere il proprio Puggerfly, sfruttando le potenzialità VR della piattaforma.

Un assurdo uso della computer grafica, per uno assurdo spot che sicuramente si farà notare. Assurdo.

Per ulteriori informazioni sui lavori e le posizioni lavorative aperte in The Mill, potete visitare il sito della compagnia all’indirizzo: http://www.themill.com

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview