Monday, October 26, 2020
Home / Focus  / Pinterest cresce: nella famiglia ora c’è anche Instapaper

Pinterest cresce: nella famiglia ora c’è anche Instapaper

Pinterest si è assicurata la tecnologia alla base dell’app Instapaper, rilevando inoltre l’intero team di sviluppo, che si trasferirà da New York nell’assolata città californiana anche se i

La famiglia Pinterest si allarga

Nel tentativo di rendere l’esperienza sulla propria app maggiormente incentrata sui contenuti e alla ricerca di una sempre maggiore semplicità di utilizzo, Pinterest ha in questi giorni portato a termine una importante acquisizione. La compagnia con sede a San Francisco si è infatti assicurata la tecnologia alla base dell’app Instapaper, rilevando inoltre l’intero team di sviluppo, che si trasferirà da New York nell’assolata città californiana. I termini dell’accordo non sono stati divulgati.

Più di due milioni di utenti usano ogni giorno Pinterest

Un vero e proprio raccoglitore virtuale di storie, articoli e foto; l’obiettivo dell’azienda americana è quello di utilizzare le capacità di analisi e previsione del comportamento dei lettori che caratterizzano Instapaper per offrire un contenuto sempre più ritagliato sulle preferenze dei propri utenti.
L’idea di offrire una esperienza unica ed organizzata probabilmente è un tentativo di porre rimedio al calo di traffico riscontrato da Pinterest negli ultimi mesi, causato da una recente modifica all’algoritmo che governa le funzioni del social network. Un calo che l’azienda americana ha prontamente smentito, dichiarando anzi una crescita costante nel coinvolgimento del pubblico maschile, il vero sesso debole del caso, considerando che la popolazione attuale del grande catalogo virtuale è composta all’80% da donne.

uraniacasciello@ilas.com

Scrivo. Da quando ho iniziato a scrivere sapevo che un giorno sarebbe stato il mio lavoro. Nel 2012 mi sono diplomata in Art Direction e Copywriting alla ILAS e ho frequentato il Master in Social Media e Web Marketing e il Corso Annuale in Fotografia Pubblicitaria. Scrivo per ILAS Magazine e ho collaborato con la scuola alla realizzazione di eventi come il Behance Portfolio Review al Pan di Napoli, l'ILAS Sonorized Exhibition e alcune mostre alla The Gallery Studio. I miei amori sparsi sono: i gatti, Parigi, Ernest Hemingway, la pizza, Batman, le gomme del ponte di Brooklyn, Labyrinth, Ritorno ad OZ, le maratone (di serie-tv e film) e David Bowie.

Review overview