Monday, December 18, 2017
Home / Ilas News  / Alberto Contri alla ilas in un seminario sulla comunicazione

Alberto Contri alla ilas in un seminario sulla comunicazione

Il presidente della Fondazione Pubblicità Progresso per la comunicazione sociale è ospite alla ilas il prossimo 21 settembre per parlare dei nuovi scenari della comunicazione nell'era della costante attenzione parziale

Alberto Contri
Un evento straordinario

 

Il prossimo 21 settembre ilas è lieta di ospitare uno dei massimi esperti della comunicazione in Italia. Alberto Contri, presidente della fondazione Pubblicità Progresso terrà un seminario gratuito, aperto a tutti, nel quale si discuterà dei nuovi paradigmi della comunicazione nell’epoca della costante attenzione parziale.

 

L’incontro della durata di due ore si terrà presso la sala dell’Hotel Oriente giovedì 21 settembre dalle ore 11.00 alle ore 13.00.

Il tema del seminario

La trasformazione epocale che ci ha visto tutti coinvolti in un gigantesco salto in avanti nel modo di comunicare, di informarci, divertirci, consumare, entrare in relazione con il prossimo si chiama internet. Attraverso il web oggi si sviluppa praticamente ogni tipo di connessione tra uomo e uomo. Il Professor Contri, pubblicitario, manager, docente e presidente della prestigiosa Fondazione Pubblicità Progresso si concentra sui new media per aggiornare la celeberrima massima di Marshall McLuhan «il medium è il messaggio», formulata mezzo secolo fa, nel periodo aureo della comunicazione «da uno a tutti». In questo seminario si parlerà del nuovo paradigma “da tutti a tutti” in un percorso ricco di spunti a cominciare “dall’eclissi del generalismo, che impone logiche diverse sia televisive sia pubblicitarie, e insieme riattualizza i valori intangibili della creatività e del progetto integrato, archiviati troppo in fretta, ma di cui segnala anche gli aspetti entropici e i fattori critici, dal tempo «uscito dai cardini» alle patologie da ipervirtualità, prima tra tutte quella costante attenzione parziale che con il multitasking ci sovraccarica di prestazioni neuronali e finisce per destrutturare il nostro pensiero. Un incontro che si preannuncia straordinario, con uno dei più appassionati ed esperti studiosi della comunicazione, non soltanto pubblicitaria.

Chi è Alberto Contri

Alberto Contri, nato il 7 aprile del 1944 a Ivrea, dopo la maturità classica interrompe gli studi in giurisprudenza per iniziare a lavorare in Mondadori nel ’66 come copywriter per poi proseguire come Direttore Creativo, Amministratore Delegato e Presidente in importanti agenzie dei gruppi multinazionali D’Arcy, Masius, Benton & Bowles e McCann Erickson Worldwide: è uno dei rari manager della comunicazione con una formazione interdisciplinare proveniente dall’area della creatività.

Nel gruppo DMB&B, dove è stato dal 73 al 95, oltre a guidare la sede italiana della Medicus Intercon (la più grande multinazionale della comunicazione del settore farmaceutico) ha fondato due società molto particolari, ciascuna con un preciso positioning.
Con un multi-image-show sull’immagine dell’Italia “Italy. A country shaped by man” vinse il Grand Prix alla Photokina di Colonia, in un festival internazionale in competizione con produzioni di 23 paesi del mondo.
Il grande audiovisivo, dell’insolita durata di 45 minuti, faceva parte di una mostra progettata per la Fondazione Agnelli con lo scopo di promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo, che girò tutti i continenti per cinque anni.

Nel 1995 Alberto Contri lascia il Gruppo DMB&B ed entra in McCann Erickson World Group con il ruolo di vice-chairman e la delega per l’innovazione. Credendo come sempre nel valore della sperimentazione applicata, viene autorizzato a creare un’agenzia specializzata in clienti ad alta tecnologia, (McCann Interactive) che di fatto – portando il primo cliente, il provider Tin.it, da 30.000 a 3.000.000 abbonati in meno di due anni a partire dal 1996 – ha contribuito significativamente a costruire il mercato Internet in Italia.

Molto attivo sul fronte istituzionale, dal 93 al 97 è stato eletto per tre mandati Presidente dell’Associazione Italiana Agenzie di Pubblicità (allora denominata AssAP)
Dal 94 al 97 è stato membro del Board della EAAA (European Association of Advertising Agencies) – unico italiano che sia mai stato cooptato in tale organismo)-, riuscendo a portare a Roma nel 96 il Congresso Internazionale dell’Associazione.

Dal 94 al 98 è stato fondatore e Primo Presidente della Federazione Italiana della Comunicazione, associazione di secondo livello che ha riunito in un unico ambito tutte le associazioni della comunicazione: pubblicità, pubbliche relazioni, promozioni, marketing diretto, ricerche di mercato. In tutto quasi 500 imprese per un totale di oltre 35.000 dipendenti, da lui pilotata in Confindustria.

Nel 94 è stato nominato Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente Scalfaro. Nel 98 è stato nominato Consigliere di Amministrazione della RAI, dove ha svolto per quattro anni una intensa battaglia a favore di un servizio pubblico di qualità, in tutte le sue declinazioni, gestendo la delega per i nuovi media, progettando tutte le attività che la Rai oggi possiede in questo settore.

Dal 1999 è Presidente di Pubblicità Progresso che ha trasformato nel 2005 in Fondazione per la Comunicazione Sociale. Dal gennaio 2003 all’aprile 2008 è stato Amministratore Delegato e Direttore Editoriale di Rainet, società partecipata dalla RAI, riuscendo a riunire e gestire in un unico hub di eccellenza i 450 siti del Gruppo, aumentando gli utenti unici del 500%, e lasciando la società con due portali (Rai.it e Rai.tv) e con 7 canali di web tv, sui quali erano già stati caricati all’epoca 30 milioni di video.

Nel 2004 il Presidente Ciampi gli ha conferito il titolo di Grand’Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Dall’aprile 2009 all’ottobre 2011 è stato Presidente e poi anche Direttore Generale della Lombardia Film Commission, che ha rilanciato partendo da una situazione di grave irrilevanza, facendo titolare al Corriere della Sera, a nove colonne: “Miracolo a Milano”.

Dal 1999 è consigliere dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. Dopo 5 anni di insegnamento presso La Sapienza di Roma, e altrettanti all’Università S. Raffele-Vita di Milano, nel 2009 è stato chiamato da Giampaolo Fabris a tenere il corso di Comunicazione Sociale presso l’Università IULM di Milano (che tiene a tutt’oggi), che nel 2010 gli ha conferito la Laurea Honoris Causa in Relazioni Pubbliche delle imprese e delle istituzioni.

Prenota l'evento

A questo link è possibile prenotare l’evento gratuito

PRENOTA IL SEMINARIO

falasconi@ilas.com

Il primo ricordo di un regalo di compleanno è la scatola di colori a tempera ricevuta da mia zia. Chiaramente destinato ad una carriera che contemplasse il disegno e la grafica, dopo gli studi artistici e una specializzazione in Art Direction e Grafica Pubblicitaria sono entrato in ILAS in cui ho ricoperto diversi incarichi fino a diventare Art Director Senior. Appassionato di arte, cucina, fotografia e curioso viaggiatore ho già visitato letteralmente mezzo mondo e, sull’altra metà, ho le idee piuttosto chiare sul programma.

Review overview