Thursday, October 19, 2017
Home / Fotografia  / Gucci: campagna fall winter 17 tra spazio e psichedelia

Gucci: campagna fall winter 17 tra spazio e psichedelia

La collezione fw 2017 Gucci è stata introdotta in uno scenario fantascientifico. 
Immagini che provengono da un universo distopico dove gli ufo atterrano tranquillamente tra mucche al pascolo.

La casa di moda fiorentina Gucci è finalmente arrivata nello spazio.

Ok non esageriamo, se non è successo davvero (chissà se qualche astronauta si è mai portato un capo alla moda durante una missione), almeno così vogliono farci credere nell’ultima campagna pubblicitaria.

La collezione Fall Winter 2017 infatti è stata introdotta in uno scenario fantascientifico.

Immagini che provengono da un universo distopico dove gli ufo atterrano tranquillamente tra mucche al pascolo, o dove esploratori intergalattici, teletrasportati indietro nel tempo, incontrano dinosauri, mostri marini, alieni e umanoidi.

Esseri algidi (terrestri e non solo) indossano con ironica eleganza i capi Gucci, in questa splendida campagna che si ispira al genere sci-fi degli anni ‘50 e ‘60 tra Star Trek e Il mostro della laguna nera.
La collezione, disegnata da Alessandro Michele, è stata fotografata e diretta da Glen Luchford, con la direzione artistica di Christopher Simmonds.

Credits:

Creative Director: Alessandro Michele
Art Director: Christopher Simmonds
Photographer/Director: Glen Luchford
Hair Stylist: Paul Hanlon
Make Up Artist: Yadim Carranza
Music: “Space 1999” written by Vic Elms, Barry Gray

uraniacasciello@ilas.com

Scrivo. Da quando ho iniziato a scrivere sapevo che un giorno sarebbe stato il mio lavoro. Nel 2012 mi sono diplomata in Art Direction e Copywriting alla ILAS (dove attualmente frequento il Master in Social Media e Web Marketing e il Corso Annuale in Fotografia Pubblicitaria). Scrivo per ILAS Magazine e per il Blog di Fotografia ILAS e ho collaborato con la scuola alla realizzazione di eventi come il Behance Portfolio Review al Pan di Napoli e l'ILAS Sonorized Exhibition. I miei amori sparsi sono: i gatti, Parigi, Ernest Hemingway, la pizza, Batman, le gomme del ponte di Brooklyn, Labyrinth, Ritorno ad OZ, le maratone (di serie-tv e film) e David Bowie.

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT