Sunday, July 5, 2020
Home / Focus  / Coming Home – Un incontro natalizio tra peluche e digitale

Coming Home – Un incontro natalizio tra peluche e digitale

La tenera storia natalizia di due attempati orsetti di peluche nel loro viaggio di ritorno a casa, resa possibile grazie alla fantasia creativa di "The Mill"

Ci siamo, il periodo più adorato dai bambini nonchè quello considerato come “il più magico” è ritornato, con la sua dose di luci e tenerezze. Quale modo migliore quindi di festeggiarlo,  senon vedere assieme una testimonianza di come tutto questo mondo digitale, pieno di effetti speciali e fantastiche illusioni, sappia, con maestria,  tradursi in un esempio dolcissimo e perfetto di narrazione?

E’ il caso della strepitosa commercial natalizia “Coming Home”, creata ad hoc per l’Heathrow Airport, che vede come protagonisti due orsetti di peluche nel loro viaggio di ritorno verso casa, dai loro piccoli proprietari.

Di sicuro, vi strapperà un sorriso!

Coming Home - The Mill

E come regalo adesso un making of tutto da “spupazzare”, con cui potete ammirare lo straordinario processo di ideazione e creazione, portato avanti dallo studio inglese di effetti speciali “The Mill”.

The Mill, uno dei principali studios londinesi, annovera tra le sue produzioni commercials, video musicali, corti di animazione, nonché effetti digitali per il cinema, il tutto con una qualità fuori dal comune.

Da ammirare soprattutto lo studio di preproduzione, nello sviluppo di references, nonché quello per il realismo portato avanti con Autodesk Maya e SolidAngle Arnold  e la simulazione del fur, che rasentano l’inverosimile!

La cioccolata calda durante questa visione e la meraviglia nei vostri occhi, sono d’obbligo!

Buone feste (digitali e non)!

Coming Home - Making of - The Mill

pontolillo@ilas.com

Fu quando avevo 5 anni che scoccò la scintilla per la grafica 3D. L'uscita di Toy Story, film cult della Pixar, fu l'inizio del mio interesse per la nascente grafica in CGI. Dapprima nacque l'amore mai tramontato per il disegno, fu poi il tempo della grafica in 2D. Infine, diciottenne, approdai alla grafica tridimensionale, stregato dalle possibilità di poter raccontare e di ricreare qualsiasi cosa desiderassi. Dopo due anni ho iniziato a lavorare come 3D generalist, specializzandomi infine come Lighter TD, Concept artist e professionista Autodesk.

Review overview