Sunday, July 5, 2020
Home / Social Media  / Un algoritmo cambierà Instagram – o forse no?

Un algoritmo cambierà Instagram – o forse no?

Quanto è importante il feed di un social oggi? Parecchio, a giudicare dall'attenzione che Facebook, Twitter ed altri giganti del social networking dedicano da sempre all'elaborazione degli algoritmi che regolano l'ordine con cui le notizie ed

Quanto è importante il feed di un social oggi? Parecchio, a giudicare dall’attenzione che Facebook, Twitter ed altri giganti del social networking dedicano da sempre all’elaborazione degli algoritmi che regolano l’ordine con cui le notizie ed I diversi post appaiono ai nostri occhi.

L’ultimo a far notizia in questo senso è Instagram, il popolare social di condivisione fotografica che dal 2012 orbita nella galassia milionaria di Mark Zuckerberg. 

Ed è proprio a Facebook che si ispira questo nuovo algoritmo, capace di determinare feed personalizzati per utente, sconvolgendo il criterio strettamente temporale in vigore sin dal momento della nascita di Instagram, nel 2010. Questo significa che presto troveremo in alto le foto che secondo la nostra storia e l’interazione con i contatti saranno selezionate, indipendentemente dal momento in cui sono state scattate. La necessità di ripensare l’applicazione nasce dal confronto con i social network emergenti come Snapchat e con nuove possibilità di mercato. 

L’impatto maggiore però, sarà però percepito dai brand e in particolare da quelli meno potenti. Quello che una volta era un sistema semplice, immediato e creativo per farsi pubblicità, adesso rischia di essere appannaggio di chi può permettersi maggiori spazi pubblicitari. Il nuovo algoritmo renderà ancora più importanti gli influencers ma il focus si sposterà dal numero dei followers alla potenza del contenuto creativo. 

Solo il tempo potrà dire come gli utenti ed il mercato risponderanno a questo cambiamento radicale, nel frattempo possiamo tornare a scegliere il filtro migliore per le nostre istantanee digitali.

large

uraniacasciello@ilas.com

Scrivo. Da quando ho iniziato a scrivere sapevo che un giorno sarebbe stato il mio lavoro. Nel 2012 mi sono diplomata in Art Direction e Copywriting alla ILAS e ho frequentato il Master in Social Media e Web Marketing e il Corso Annuale in Fotografia Pubblicitaria. Scrivo per ILAS Magazine e ho collaborato con la scuola alla realizzazione di eventi come il Behance Portfolio Review al Pan di Napoli, l'ILAS Sonorized Exhibition e alcune mostre alla The Gallery Studio. I miei amori sparsi sono: i gatti, Parigi, Ernest Hemingway, la pizza, Batman, le gomme del ponte di Brooklyn, Labyrinth, Ritorno ad OZ, le maratone (di serie-tv e film) e David Bowie.

Review overview